Scoperta sul Canin la grotta più grande d’Italia, con la congiunzione tra il Complesso Col delle Erbe e il Foran del Muss si superano gli 80 km

Il Canin visto dai piani di MontasioAlpi Giulie. Quattro speleologi del Friuli Venezia Giulia il 13 agosto hanno realizzato la congiunzione tra due grandi grotte sul massiccio del Canin, che insieme diventano la grotta più estesa d’Italia. Come in un gioco di incastri, in un solo colpo si congiungono più di trenta chilometri del Complesso del Foran del Muss e più di quaranta chilometri del Complesso del Col delle Erbe, giganti sotterranei fatti di gallerie e pozzi che giacciono sotto le fredde rocce del Monte Canin.

Questa scoperta è solo l’ultimo tassello delle esplorazioni portate avanti in tanti anni, da numerosi speleologi italiani e stranieri, e conferma il Massiccio del Canin come uno dei più grandi massicci carsici d’Europa.

Non è facile calcolare la lunghezza totale dell’intero sistema, stimato in più di 80 chilometri, costituito da molti ingressi e dalle giunzioni successive di numerose grotte. Anche i dati catastali delle cavità interessate sono contrastanti e incompleti, per cui per sapere la misura esatta di questa enorme grotta saranno necessari mesi di lavoro. Leggi tutto…

Riunione per targhettatura 2019-2021

Apr
6
17:00

Ai Presidenti delle Associazioni/Gruppi Aderenti al Progetto di targhettatura 2019-2021

Caro Presidente,
e da pochi giorni che la Federazione Speleologica Regionale del FVG (FSRFVG) ha presentato e discusso con il Servizio Geologico il Piano delle Attività (PA) del progetto complessivo previsto dalla Convenzione per l’anno 2019. In considerazione di questo fatto mi sembra opportuno convocare una riunione per il giorno 6 aprile 2019 alle ore 17 presso la sede sociale del Gruppo Speleologico Fiondar sita nel Villaggio del Pescatore, 44/A (Biblioteca Comunale), Duino Aurisina – Trieste dove affrontare e discutere i problemi più cogenti.

Per maggior chiarezza ti invito a prendere visione della documentazione necessaria per aver accesso al Progetto Targhette sulla pagina dedicata nel sito della FSRFVG – http://www.fsrfvg.it/?pageid=7400.

L’elenco delle documentazioni che potrai vedere e scaricare dalla pagina dedicata alla Convenzione 2018 – 2021 lo troverai in calce a questa lettera.
Leggi tutto…

Ingresso della Grotta del Maestro impraticabile

Già segnalato qui, ma meglio ripetere:

Nella giornata di ieri, l’ingresso della Grotta del Maestro (n. 4168/5300VG) è diventato impraticabile, causa crollo della dolinetta in cui si apriva.

Attualmente la visita alla cavità è, quindi, impossibile (e comunque pericolosa!).

Vi invito a far girare la voce…

Marco Linus Di Gaetano

___________
Notizia ripresa da FaceBook

Ritrovate in Carnia due vecchie grotte

Si consultano le carte per trovare le grotte

Si consultano le carte per trovare le grotte

In questo ultimo periodo il Gruppo Triestino Speleologi si è impegnato nella ricerca di alcune vecchie grotte situate in Carnia (Friuli), esplorate e rilevate oltre 100 anni fa e sicuramente mai più cercate né visitate. Si tratta di due grotte di cui si trova traccia nella pubblicazione del De Gasperi Grotte e voragini del Friuli del 1916 oltre che su alcuni numeri vecchi di Mondo Sotterraneo.

La prima è la Grotticella del R. Filuvigne (242/105Fr), situata in comune di Socchieve, esplorata e rilevata da U. Micoli in data 11 agosto 1910.

L'ingresso della Grotticella del Rio Filuvigne

L’ingresso della Grotticella del Rio Filuvigne

Già alcuni anni orsono il GTS l’aveva cercata sulla base della descrizione pubblicata: “… a circa 300 m a monte della strada nazionale …” ma non era stata rintracciata essendo la zona impervia e selvaggia. Quest’anno si è ritornati e dopo aver risalito il rio per circa mezzo chilometro dal ponte sulla statale, è stato finalmente rinvenuto l’ampio imbocco della caverna.
Leggi tutto…

Regolamento del Catasto Speleologico Regionale (CSR)

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia n. 14 del 4 aprile 2018 è stato pubblicato, così come previsto dall’Art.15 della LR 15/2016, il Regolamento del Catasto Speleologico Regionale (CSR).

Si tratta della regolamentazione del solo catasto delle cavità naturali. La tutela del patrimonio speleologico, la chiusura degli ingressi, la realizzazione dei percorsi permanenti e gli aspetti tecnico-procedurali per la realizzazione di grotte turistiche, saranno disciplinati con un prossimo regolamento.

L’operatività del CSR, e la sua apertura al pubblico, avverrà con la pubblicazione dell’elenco delle grotte che sancirà il passaggio tra il Catasto regionale delle Grotte (ex L.R. 27/66) e il nuovo CSR.
Leggi tutto…

QR Code Business Card
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: